Cosa vedere in Ucraina
EUROPA,  UCRAINA

Come organizzare un viaggio in Ucraina

L’Ucraina… per me è stata una bella scoperta!

Scelta un po’ per caso come meta da visitare e ancora non molto turistica, si è rivelata molto interessante e ricca di cose da vedere.

Le città sono molto belle, le persone accoglienti e la percezione generale del Paese è di sicurezza. Si mangia molto bene e in più, che non guasta mai, è economica!

Ucraina

L’Ucraina è uno dei paesi più grandi d’Europa e, al contrario di quanto si possa pensare, ha tanto da offrire ai viaggiatori. Pur essendo un paese relativamente giovane, ha una storia molto antica e un patrimonio culturale ricchissimo. Usi, costumi e tradizioni sono unici e molto sentiti dai locali.

La parola Ucraina (Україна) significa “terra di confine” ed è esattamente l’idea che mi ha dato: un paese in bilico tra Oriente e Occidente, che assorbendo le influenze dei paesi circostanti, cerca un equilibrio tra tradizione e apertura verso l’esterno.

.

Come organizzare un viaggio in Ucraina?

Vista la mia esperienza, mi sento di dire che si può organizzare facilmente e in totale autonomia.

Non ho trovato guide cartacee in italiano, ma cercando pazientemente in internet, si possono recuperare parecchie informazioni. E visto che ci sono stata, le metterò tutte qui a disposizione per chi sceglierà di fare il mio stesso giro.

 

Cosa vedere in Ucraina?

L’Ucraina è un paese molto grande, è quindi indispensabile selezionare le cose da vedere compatibilmente con il tempo a disposizione. Io ho scelto tre città: Kiev, la capitale, Lviv o Leopoli come viene chiamata in italiano, e Odessa sul Mar Nero. Tre città molto belle e diverse tra loro, che rappresentano bene tre zone differenti del paese, il centro, l’ovest e il sud.

 .

Il triangolo d’oro: Odessa, Lviv e Kiev

Dopo tante ricerche mi sono convinta che queste tre città rappresentassero l’essenza dell’Ucraina e che valesse la pena iniziare da qui per scoprire il Paese.

C’è chi lo definisce il triangolo d’oro dell’Ucraina: Odessa, l’affascinante perla sul Mar Nero, l’incantevole Lviv, il cui centro storico è riconosciuto Patrimonio Unesco, e Kiev, l’imponente capitale divisa tra il suo passato sovietico e le aspirazioni verso il mondo occidentale.

Avendo 10 giorni a disposizione ne ho dedicati tre a Odessa, due e mezzo a Lviv, che sono piccoline e si girano facilmente a piedi in poco tempo, e quattro giorni e mezzo a Kiev, che è una città decisamente molto grande. Un giorno di questi è stato interamente utilizzato per la visita di Chernobyl.

 

Leggi anche: ODESSA, COSA VEDERE IN TRE GIORNI

Leggi anche: LVIV, COSA VEDERE IN DUE GIORNI

Leggi anche: COSA VEDERE A KIEV

 

Coma muoversi in Ucraina?

Essendo un paese molto grande, per spostarsi da una città all’altra il mezzo migliore è il treno, che, tra l’altro, è estremamente economico.

L’aereo è sicuramente un’alternativa più veloce, ma in questo modo si perderebbe una parte importante dell’andare e del conoscere un paese. In treno, poi, si ha la possibilità di conoscere persone e scambiare punti di vista, o semplicemente di venire a contatto con la popolazione locale, i loro usi e costumi, la cultura del paese.

I treni sono puliti e comodi. Per le lunghe tratte è preferibile il treno notturno che vi farà risparmiare anche del tempo prezioso. I biglietti sono economici e si possono acquistare comodamente online. Il sito delle ferrovie ucraine è anche in inglese e mostra visivamente quali posti sono ancora disponibili. Dopo l’acquisto con carta di credito, vi arriverà il biglietto direttamente per email. Stampatelo e mostratelo al controllore al momento di salire a bordo. E il gioco è fatto!!

Vi consiglio di fare almeno un viaggio in treno all’interno del paese, non ve ne pentirete!

 

Treno in Ucraina

 

Per muoversi in città, invece, per es. dalla stazione/aeroporto all’hotel, vi consiglio Uber.

Soprattutto se non parlate una parola di russo, come me, si è rivelato utilissimo!

I taxi sono molto economici, ma oltre alla possibilità di qualche fregatura, c’è il grande limite della lingua. L’inglese è ancora molto poco diffuso e con uber non c’è necessità di parlare: basta impostare il punto di partenza (con il localizzatore) e il punto di arrivo. L’importo da pagare viene visualizzato direttamente sul vostro cellulare (scaricate l’app) in moneta locale.

 

Quanto costa viaggiare in Ucraina?

In Ucraina si usa la grivnia (hryvnja in ucraino).

Non è possibile pagare in euro, ma questi possono essere facilmente cambiati nei tantissimi uffici di cambio o nelle banche. Come al solito, evitate di cambiare in aeroporto dove i tassi di solito sono più svantaggiosi.

Il costo della vita in Ucraina è più basso rispetto all’Italia. Ad es. un biglietto dell’autobus costa circa 30 centesimi, una pinta di birra 1 euro e un pasto completo intorno ai 5/10 euro.

Leggi anche: COSA MANGIARE IN UCRAINA

Vi consiglio di non cambiare grandi somme di denaro tutte insieme. Primo perché non vi serviranno e secondo perché quasi ovunque, anche per importi modesti, potrete pagare con la carta di credito. Curiosamente, se pagate con carta al ristorante, vi faranno due transazioni: una per il cibo e una per le bevande.

.

Leggi anche: 10 PIATTI TIPICI DELLA CUCINA UCRAINA DA PROVARE

.

In un viaggio in Ucraina, probabilmente la spesa più importante sarà il biglietto aereo. Ma controllate sempre bene le varie opzioni, perché oltre alle più famose compagnie di bandiera, il Paese è ora raggiungibile anche da diverse low cost a prezzi concorrenziali.

Per dormire le possibilità sono tantissime: da pochi euro a notte per ostelli e case private a prezzi più elevati per gli alberghi, soprattutto a Kiev.

 

Che lingua si parla in Ucraina?

In Ucraina si parla ucraino e russo. Tutte le scritte sono in cirillico e l’inglese non è molto diffuso.

cirillico

A Lviv è molto comune anche il polacco per la vicinanza con il confine con la Polonia, e a Odessa il rumeno, per via della poca distanza dalla Moldavia.

Gli ucraini sono persone aperte e, per quanto possibile, cercano di venire incontro al viaggiatore in difficoltà. I più giovani, comunque, soprattutto a Kiev, parlano inglese, così come le persone che a vario titolo hanno più contatti con i turisti.

Mi è dispiaciuto non saper parlare russo perché sarebbe stato utile in molte occasioni soprattutto per capire e condividere una parte di cultura locale. Nei viaggi in treno, per es., non poter comunicare con i vicini di scompartimento l’ho vissuto un po’ come un limite… in ogni caso, pur non parlando russo, a gesti e sorrisi mi sono sempre fatta capire ovunque!

Imparare una lingua in poco tempo non è certo facile, ma se possibile, vi consiglio di imparare almeno a leggere l’alfabeto cirillico. A me è tornato utile in tantissime occasioni e ha aiutato parecchio!!!

.

Come comprare una SIM card in Ucraina?

L’Ucraina non fa parte dell’Unione Europea quindi il roaming internazionale non è stato abolito e i costi possono essere molto elevati. Visto che ormai internet è quasi indispensabile non solo per essere connessi con il mondo (whatsapp e social), ma anche per recuperare facilmente informazioni su internet, utilizzare google maps, ecc.,  vi consiglio di comprare una scheda sim ucraina.

Comprare una sim card in Ucraina è facilissimo: le vendono ovunque, nei negozi, nei supermetrcati e spesso anche per strada. Non è necessario il documento (sono anonime) e hanno un prezzo irrisorio. Le principali compagnie sono Kyivstar e Vodafone. Io ho preso una sim solo dati con traffico illimitato per un mese a 90 UAH, circa 3 euro.

.

Altre info utili

Documenti

È necessario avere il passaporto con una validità residua di almeno 3 mesi.

Il visto di ingresso per motivi turistici non è più richiesto ai cittadini dell’UE che intendono rimanere nel paese per un periodo massimo di 90 giorni.

Alla frontiera verrà messo un timbro sul passaporto in arrivo nel paese e uno in uscita.

Clima

Il clima dell’Ucraina è di tipo continentale, con temperature molto basse in inverno e abbastanza calde d’estate. Superconsigliato, come al solito, l’abbigliamento a cipolla!

Elettricità

In Ucraina le prese sono uguali a quelle italiane ad eccezione del fatto che non hanno il foro centrale per la linea di terra (hanno solo due buchi). Non è quindi necessario un adattatore.

 

Potrebbe interessarti anche:

> Tre giorni a Odessa, la Perla del Mar Nero

> Lviv, la piccola Parigi Ucraina

> Cosa mangiare in Ucraina

> 10 piatti tipici della cucina ucraina da provare

Hits: 359

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: